Esce “Tutti sotto il palco” (ed è una bomba!)

Riceviamo e pubblichiamo molto volentieri il comunicato stampa di Colpo di Stato Poetico, che ci avvisa di una nuova uscita e, come al solito, è proprio degna di nota. Lady Skull ci investe con grinta, rime affilate e voce che sorprende. Guardate il video e sentite che vibrazioni.

La Redazione

Esce oggi “Tutti sotto al palco”, primo singolo di Lady Skull, giovane rapper siciliana adottata dalla Romagna.
In una scena come quella hip hop underground dove vige un’egemonia maschile Asia (Lady Skull) ha saputo ritagliarsi meritatamente i suoi spazi grazie al suo carattere, al rap aggressivo, al flow trascinante e alle rime taglienti che le hanno permesso di mettersi in luce in diverse battle.
Questa canzone parla del palco come unico momento di riscatto nella vita, dove si può veramente credere in se stessi e mettersi a nudo di fronte agli altri.
Di sicuro si candida per essere una delle rivelazioni del female rap in Italia. Farà parlare di se!

Share

Suonala ancora Alfre – E’ uscito PULP EP.

Ci sono persone e passioni che la quarantena non può fermare. Una di queste persone è un amico di Citizen, Alfredo D’Alessandro, altrimenti noto come Alfre d’. Tra l’altro il Covid non ha fermato nemmeno un buon numero dei suoi amici. Tutti insieme, hanno fatto uscire PULP EP, il nuovo progetto musicale prodotto da Colpo di Stato Poetico e B.M. Records.

Com’è questa nuova uscita? A noi piace. Alfredo, come al solito, non perde occasione per sperimentare le possibilità che il rap gli concede in termini di comunicazione artistica. Sopra ogni cosa, però, Alfre’ D rappresenta una vibrazione che si muove sottotraccia. Gente a cui non interessa il glamour e che vuol dire la “sua cosa”, anche se non è commerciale, anche se non te la scaricano un milione di undicenni.

In questo EP ci sono 4 Brani:

  1. Istintro (prod. Mastafive)
  2. L’ultima parola (prod. 85)
  3. Manifesto feat. Brain FNO (prod. Kd one)
  4. Briciole (prod. 85)

E se glielo chiedi Alfredo te li spiega così:

IstintroMasta mi chiede di mandargli un vocale “dei miei” e istintivamente penso all’istinto di creare e condividere. Lui mi rimanda indietro quello che sentite.
L’ultima parola Volevo mettere un puntino sulle i su quello che è il resoconto di una delle tantissime e longeve storie di provincia dove nasce e si coltiva questa musica.
Manifesto“Vero artista perché creo e non penso a te”: questa frase e altre del brano possono risultare arroganti, in verità è per dire che siamo fuori da quel meccanismo e schiavitù tipica di chi fa musica per professione e lo vuol fare a tutti i costi: frustrante perché non si realizzano i sogni, stimolante perché puoi essere libero di dire ciò che vuoi.
BricioleParla a chi fa musica, arte, organizza eventi e lavora nei supermercati, nelle fabbriche. A chi è costretto a lottare per le briciole, sia in un campo che nell’altro.

Siete curiosi? Volete ascoltare i pezzi? Ho una buona notizia, se avete spotify potete farlo anche subito a questo link: http://bit.ly/PulpEp

Ah e se vi piace… che ve lo dico a fare?

@DadoCardone

Share

Polly spicca il volo “Come Icaro”.

Polly

Oggi facciamo la nostra parte per far conoscere un po’ del fermento musicale che si muove nell’underground romagnolo. L’occasione è l’uscita del nuovo video di Polly, al secolo Federico Giovannini Medri . Il singolo, prodotto per Emic Entertainment, ha un titolo evocativo: “Come Icaro” e racconta della volontà di staccarsi dalla propria realtà, per non sentire il dolore di una separazione. Consigliamo di mettere un sano e robusto like sul video di questo novello Icaro, che cerca di spiccare il volo con un bel pezzo e staccarsi dalle difficoltà che assaggiano tutti quelli che hanno un’ambizione musicale. Magari guardate anche gli altri video per farvi un’idea. Per noi una produzione degna di nota. P.S. Sotto il video un po’ di biografia dell’autore.

Polly è un mc attivo nella scena romagnola a partire dal lontano 2001. Nel 2003 insieme ad un gruppo di amici fonda la storica crew Il lato oscuro della costa con cui rimane legato fino al 2010.

In questi anni il collettivo romagnolo sforna diversi demo, due album ufficiali (“Artificious” nel 2006 e “Amore Morte Rivoluzione” nel 2010) che ottengono un buon riscontro di critica e pubblico, oltre alle centinaia di concerti in tutta Italia, con collaborazioni importanti nella scena hip hop underground dell’epoca e aperture ai live di Fabri Fibra, Caparezza, Meg, Linea 77, Assalti Frontali, Club Dogo e altri.

Nel 2007 esce “Doublethinkers”, un disco dalla natura variegata e sperimentale che vede dj Nada (ora Godblesscomputers) alle produzioni e che si può definire un precursore dell’attuale ondata musicale che vede il rap unito all’elettronica.

Nel 2012 dalla collaborazione artistica con il producer Max Prod nascono gli “Occhi di Astronauti” ed esce il side project “La città verrà distrutta domani”, esperimento particolarmente riuscito di fusione tra rap e musica elettronica, con un concept fortemente sci-fi e cyberpunk.

A fine 2016 dopo un periodo di inattività esce il singolo “Nei vicoli bui”.

Nel 2017 Polly realizza uno street album sperimentale, in cui spicca il singolo “Le nostre astronavi”. La particolarità di questo progetto sta nella copia fisica del cd, che comprende un libretto di 32 pagine di graffiti su muri e treni, per sottolineare l’importanza del legame tra rap e writing.

A partire da questo anno inizia l’amicizia e la collaborazione dal vivo con Alfre D‘ e con il Colpo di Stato Poetico, un collettivo hip hop che vede al suo interno mc, dj e producer sparsi per l’Emilia-Romagna. Lo scopo del collettivo è creare buona musica e buon rap, con un approccio fondamentalmente real e personale alla musica.

Il 2019 è l’anno di “Petit Mauresque”, il disco più poetico e autobiografico realizzato finora da Polly. Ispirato alla cosiddetta lingua Petit Mauresque, da cui prende il titolo, l’album costruisce un’intelligente analogia tra la lingua franca mediterranea, in uso​ nei porti mediterranei fino al XIX secolo, e il rap contemporaneo. Questa lingua, chiamata appunto era una sorta di inglese commerciale dell’epoca (formato però da una base di italiano, veneto e ligure, con influenze spagnole, francesi e parole arabe, catalane, greche, siciliane e turche), che i commercianti, i marinai e i portuali dei vari popoli utilizzavano come base per comunicare e “sporcavano” con parole e modi di dire locali. Allo stesso modo il rap può essere visto come una moderna lingua franca mediterranea: parlata nelle banlieue di Marsiglia, nelle periferie di Milano, tra le rovine degli edifici bombardati a Gaza, nelle antiche piazze in Marocco, sotto i portici e nelle università occupate a Bologna, non c’è luogo al mondo che possa resistere alla potenza artistica e comunicativa del rap. Il disco prende le mosse da queste riflessione per affrontare temi cardine della nostra contemporaneità, con un suono decisamente curato e fortemente ispirato al classico boom-bap, grazie anche alla partecipazione di numerosi beat-makers (Zesta, Fastcut, Stamba, Nicola Missiroli, ecc…) e colleghi MC come il milanese Mastino, gli ex sodali Moder e Max Penombra, Kenzie e altri.

Da evidenziare il singolo “Sans Papiers” ed il suo video, dove Polly ha collaborato con la ONG Mediterranea Saving Humans che ha fornito le immagini per il montaggio di Daniele Poli.

Share

ControCulture – Puntata Zero – Il Rap e le Donne.

Io ed Alfre D’ proseguiamo con i nostri esperimenti ed oggi vi proponiamo la Puntata Zero del format ControCulture: una chiacchierata sulle culture che cercano di comunicare in maniera diversa.
La Puntata Zero è dedicata alle Donne del Rap e al loro modo di superare gli stereotipi. Aspettiamo like, suggerimenti e proposte per temi da trattare.


In questa puntata abbiamo ascoltato:
Keny Arkana – La Rage (Clip Officiel)
Lauryn Hill – Ex-Factor (Official Video)
La Pina & Giuliano Palma – Parla Piano
Madame – Sciccherie (prod. Eiemgei)
Real Talk feat. Leslie
M¥SS KETA – LE RAGAZZE DI PORTA VENEZIA – THE MANIFESTO

Share

Alfre D’ – L’intervista.

In questo video un’intervista diversa dal solito. Nel “tinello” di Citizen Rimini accogliamo Alfre D’ per parlare di musica e, precisamente di Rap. Perché? Perché il Rap non è solo quello che sfonda a X-factor, ma è anche la pratica di molti ragazzi e ragazze che compongono versi per passione.

In questo video un’intervista diversa dal solito. Nel “tinello” di Citizen Rimini accogliamo Alfre D’ per parlare di musica e, precisamente, di Rap. Perché? Perché il Rap non è solo quello che sfonda a X-factor, è anche la pratica di molti ragazzi e ragazze che compongono versi per passione. E’ appunto il caso di Alfredo D’Alessandro che ci parla dell’esperienza dei Colpo di Stato Poetico.

@DadoCardone

Share