Il Braccio Destro – Di Walter Delogu e Davide Grassi.

Mursia Editore – 223 pagine – 17,00€ prezzo intero della copertina.

A volte lo faccio, ma questa recensione in particolare necessita di una piccola premessa. Uno degli autori del libro, Davide Grassi, è un mio caro amico e ho avuto modo di conoscere anche Walter, che ho trovato molto simpatico. Tra l’altro la copertina del libro è stata realizzata con un mio scatto. Per cui dare peso o meno alla recensione è una scelta che lascio totalmente nelle vostre considerazioni.

Il Braccio Destro, edito da Mursia, è un romanzo particolare. Potrebbe essere considerato, a tutti gli effetti, un prequel del libro scritto da Andrea Delogu, figlia di Walter. La Collina (di cui ho già fatto la recensione qui), si concentrava sulla libera interpretazione delle memorie di Andrea, degli anni passati a San Patrignano con i suoi genitori. Ne “Il braccio destro”, invece, la parola passa a Walter che, grazie al personaggio ideato con l’aiuto di Davide Grassi, ripercorre la genesi criminale che lo avrebbe poi portato più volte in comunità.

Lasciatemi dire che non è mai facile recensire le memorie di un uomo che hai conosciuto, anche se romanzate. E’ inevitabile leggere fra le righe e ricostruire la persona che conosci, seppur superficialmente. Ti sembra quasi di giudicare, ma questo lavoro lo devo fare, perché il libro è bello, sia per quello che racconta apertamente, sia per quello che, con un po’ di attenzione, ci si trova.

Angelo Melis è un ragazzino sedotto dalla Criminalità. A fargli scattare l’esigenza di percorrere quella strada è, tra le altre cose, un padre che lui considera troppo remissivo nei confronti di quello che la vita gli ha tolto. Suo padre non ha nulla che non vada. E’ un lavoratore onesto, con una seria preoccupazione riguardo al futuro del figlio, ma non sa prendere posizione come gli spietati criminali che Angelo ammira. Loro si appropriano di tutto senza chiedere il permesso e anche Angelo desidera questa possibilità.

La criminalità porta con sé anche un’assenza totale di normalità. Angelo vive Milano con altri ritmi, altre paure e altri parametri, rispetto alla popolazione produttiva. Sente forte anche il contrasto sociale con la “Milano bene” e questo porta sempre a un corto circuito quando ne incontra i figli. E’ giovane, troppo giovane per fare la vita da malavitoso e trova sostegno solo nella droga. Eroina, cocaina, a volte tutte e due insieme, e le pistole. Quelle gli piacciono e gli regalano la sicurezza in più che la droga non può offrire.

Angelo Melis scala le organizzazioni a cui si affilia e molto spesso cade in disgrazia a causa dei suoi vizi. Per questo non è mai lui il boss e l’unico ruolo che gli è consentito raggiungere è quello di braccio destro. A lui sta bene così. Ha tanta insofferenza dentro di sé e l’unica cosa che gliela fa dimenticare, oltre alla droga, è un ordine rischioso, da accettare senza discussioni, impartito da uno dei suoi “padri” criminali. E di quelli ne trova. Ne trova uno anche in quella Comunità che, in fin dei conti, lo salva da una vita da tossico. Lì c’è Sergio, un uomo che, senza alcuno scrupolo, vuol realizzare la sua visione e che non si fa pregare per usare le abilità da strada di Angelo.

Questo romanzo l’ho finito in un giorno. Per tutta la lettura sono rimasto sulle spine, cercando di capire se il capitolo successivo mi avrebbe proposto una caduta o una redenzione. Ho apprezzato lo stile da spaccone con cui il protagonista racconta quella che, in sostanza, è una lunga e interminabile caduta verso una vita normale e il desiderio di una famiglia. Angelo Melis, alla fine, è un uomo con un retaggio criminale che trova solo nell’ultima sconfitta il regalo della normalità.

Questo romanzo rappresenta un buon uso delle appassionanti memorie di Walter e un grande lavoro di Davide che, fortunatamente, da avvocato penalista, ha saputo organizzare in forma coerente la grande spinta di una tormentata memoria realmente criminale. Consigliatissimo.

@DadoCardone

Share

La Maglia Nera

C’era una volta una presa in giro che faceva più  o meno così: “Sei così scemo che se facessero una gara per stabilire chi è più scemo arriveresti secondo.”

Sembra quasi il caso di Rimini e le classifiche della criminalità del Sole 24 ore. Siamo secondi e non possiamo nemmeno vantarci di essere il posto più criminale d’Italia.. ci si potrebbe fare del turismo e verremmo citati anche nelle pubblicità del Pampero: “…. Nei peggiori bar di Rimini, altro che Caracas!”

La maglia nera è di Milano, a noi spetta quella grigetta che rispecchia molto la nostra situazione. Migliaia di metri quadri di edificato abbandonato, sfratti come se piovesse, inquinamento a livelli di allarme, operazioni turistiche che raschiano il fondo del barile, economia in caduta libera e politica legata a doppio filo con le peggiori decisioni strategiche che un territorio possa conoscere. Rimini, nonostante i mille cantieri elettorali aperti (o forse anche per quelli), è in una situazione di degrado, basta essere onesti perlomeno con se stessi per capirlo. A Rimini sud potrebbe morirci  Godzilla, ce ne accorgeremmo l’estate prossima per quanto è abbandonata a se stessa. Rimini nord non versa il condizioni migliori, l’entroterra è terreno fertile per un futuro di quartieri dormitorio. In Centro chiudono negozi importati e tanti altri, grandi e piccoli, aprono e muoiono in una girandola che si spegnerà forse al completamento del 3° ipermercato, quello  che tutti si ostinano a chiamare Aquarena.

In giro ci sono un sacco di cartelli spergiuranti che: “qui la città cambia”.  Invece una  triste considerazione si lascia alle spalle anche il vecchio adagio secondo cui “tutto deve cambiare per rimanere esattamente com’è”. Tutto peggiora e ce lo dicono i posizionamenti in certe classifiche,  i cartelli pop con data fine lavori al 2018 non portano rimedio.

Il mea culpa non lo fa nessuno. Tutti leggono i dati a modo loro e trovano scuse per non prendersi responsabilità politiche. Il Primo Cittadino, ad esempio, afferma che i risultati di Rimini sono falsati dai grandi numeri di una città turistica (la “fu” Capitale del Turismo). La giustificazione sembra avere una logica, ma se andiamo a prendere per esempio Jesolo , una città turistica che passa dai 26 mila residenti a flussi turistici di 4,5 milioni di persone all’anno, non è neppure citata e Venezia, la provincia di cui fa parte, si attesta al 13° posto. Non un bella posizione in classifica, ma tant’è.

Cattura3Che dire poi di chi si vanta, in perfetto stile  “zero virgola Renziano”, del calo delle denunce di un “sostanzioso” 0,41%? Che facciamo lo stappiamo lo Champagne? Io aspetterei, anche perché una flessione del genere nelle denuncie può voler dire anche che la gente al terzo, quarto,o  quinto reato subìto si è stufata di denunciare. Succede. Se poi vogliamo proprio fare i pignoli a Milano il calo è stato del 2,41% portando la differenza dei reati con Rimini, per ogni 100 mila abitanti, a 143. I numeri, a leggerli tutti, ne dicono di cose…

P.S.

Questa cosa di essere ottimisti in maniera completamente sganciata dalla realtà ha già fatto abbastanza danni, ve lo ricordate Berlusconi e i ristoranti pieni? No? Non c’è bisogno, basta che vi ricordiate Gnassi e il milione di passeggeri.

05730130ff8cbcaee11a47d1a3b7439a

 

@DadoCardone

Share

Recensione: Atti osceni in luogo privato di Marco Missiroli

atti1Nota Bene: Non ho la licenza di critico, dunque abbiate pazienza se la recensione non seguirà i normali canoni.

Il libro mi è capitato tra le mani in un momento particolare. Mi stavo giustappunto chiedendo da quanto non leggevo più niente ed è arrivato il mio amico Tommy con un sacchettino rosso contenente il lavoro di uno dei suoi migliori amici, tale Marco Missiroli. Di questo scrittore riminese non ho mai letto nulla, se non una recensione che etichettava lui e i suoi libri come superficiali. Combinazioni, amicizie e critiche contro. Capite bene che non si poteva certo evitare di leggere queste pagine, ne di farne una recensione (amatoriale).

Il titolo ha senso, cosa non scontata, ma per la mia recensione lo devo cambiare in: Le Pugnette del giovane Werther. Questo, anche se difficile da interpretare, è un complimento, ma non vi preoccupate che ora mi spiego meglio.

E’ una cosa in cui ho sempre creduto e la trama di questo libro mi conforta nella tesi. Se il personaggio di Ghoete avesse padroneggiato l’arte dell’onanismo, come il protagonista di Missiroli, probabilmente avrebbe evitato quella fine odiosa. Libero Marsell scopre la masturbazione quando ancora non è in grado di portarla a compimento e con quella assorbe tutti i traumi della sua vita, la mamma scoperta mentre si adopera in una fellatio con l’amante, la scoperta della sessualità, la morte del padre, l’abbandono, la solitudine auto inflitta e la rivelazione del valore della normalità. Esattamente come ognuno di noi, personaggi della vita “reale”, tutti con il nostro atto osceno a rompere il rumore bianco di sottofondo. La Pugnetta, volgarmente detta, è fuor di metafora un atto di meditazione nell’accezione del contatto con il proprio Io, certo può diventare vizio e compulsione. Un atto osceno perde la sua definizione se condotto in luogo privato, non potendo offendere il senso del pudore di nessuno diventa normalità, ma le Grand Liberò non ha il supporto di Youporn. Il materiale masturbatorio è fornito direttamente dalla ricerca di un utero forte e indipendente come quello della madre, trasformandosi così in vita.

Tutt’altro che superficiale; questa etichetta non gli si addice. Per scendere nella profondità delle cose non è obbligatorio parlare di tragedie sovraumane e qui sta la bellezza del libro. Ho trovato la lettura molto piacevole appunto per la gestione della normalità, che comunque nasconde enormi rivoluzioni. Il nostro personale Sturm und Drang è sempre in agguato con conquiste, morti, nascite, tradimenti, disgrazie e colpi di culo. Libero Marsell ha in più la guida karmica dei libri che le persone care della sua vita gli suggeriscono con la delicatezza di chi ti ama tanto che ti lascia scegliere da solo e come palcoscenico le strade di due città, Parigi e Milano, diverse, come diverse sono le stagioni della vita.

Non dirò di più sui personaggi che costellano l’esistenza del protagonista, perché secondo me è un libro che vale la pena di essere letto e non vorrei turbare la loro essenza con le mie interpretazioni. Mi limito a fare un complimento a Marco per il finale …. Io e Goethe avremmo fatto morire Libero come suo padre.

P.S.

Si eseguono per conto terzi anche recensioni di Comunioni, Matrimoni e Funerali.

05730130ff8cbcaee11a47d1a3b7439a

 

@DadoCardone

Share

Time Out

Tra il serio ed il faceto. Grattacieli sì o no? Sì e no.

Di recente a Milano sono stati realizzati in un area ormai centrale tra centro storico e Stazione centrale, alcuni edifici, in particolare dei grattacieli, di altezza superiore ai 10 piani fino a quasi 50 circa.  Un isolato urbano con 7 / 8 edifici, dei quali percepisco favorevolmente il gesto tecnico e in modo differente, l’alto consumo di territorio, l’esagerata speculazione e prima di tutto il disagio per l’incombenza rispetto ad edifici più bassi, la concentrazione di utenti a pieno regime, è come contenere in 4 ettari la popolazione di 2 piccole città tra i 120.000 abitanti ed i 180,000 ab., per me una sproporzione troppo elevata. Le immagini scattate da terra per confrontare 2 periodi diversi nei quali sono stati realizzati dei grattacieli a Milano. Le aree sono vicine e simili.

pirellone
Pirellone

Le prime  immagini  riguardano il famoso Pirellone progettato da Giò Ponti e Pierluigi Nervi dal 1956-1960, Attuale sede della provincia lombarda, dopo essere stata sede della regione oggi trasferita a breve distanza. Le successive La torre Galfa, di Melchiorre Bega dal 196-1959, uno dei grattacieli che più mi affascinano, sia per la relazione con il costruito adiacente che per la percezione di un parallelepipedo sinuoso, con facciate in vetro, ma discreto ed elegante, attualmente vuoto, completamente.

galfa
Torre Galfa

E qui il succo, il grattacielo, per forma, dimensione e densità di utilizzatori è a tutti gli effetti un edificio simbolico, grande vuole essere visto anche a distanza, e in prossimità ti dice chiaramente quali sono le sue dimensioni, ti sovrasta. Anche le emozioni nel frequentarlo sono forti, l’altezza, su tutto, la possibilità di osservare a grande distanza, se sei in alto, il timore dell’altezza, la dimensione della gestione, e all’inizio la dimensione del costo.

Quando resta l’unico edificio alto, diventa punto di riferimento geografico, quotidiano e culturale.

 

Cosa differente è quando invece della vista per la concentrazione elevata ti si erge di fronte l’altro grattacielo, oppure occludi, quindi vieti completamente la vista a chi sventuratamente subisce la costruzione in prossimità del suo piccolo edificio di 5/7 piani. Ed altro ancora quando la forma ed il progetto realizzato è stato realizzato magari in altri due tre luoghi.

Altra riflessione è da farsi sulla sostenibilità, dove l’impiego di energia fossile per la realizzazione e la lavorazione dei materiali, presenta già in fase di ordinazione, uno sbilanciamento energetico, l’energia necessaria a realizzarlo, così elevato e prospetta dei costi di gestione elevati, da renderlo poco ragionevole.

Oltre a questo nella maggior parte dei casi l’operazione è prevalentemente economica e non risponde direttamente alle esigenze, alle necessità ed ai desideri della comunità, sia per l’impatto sull’ambiente sempre molto deciso, sia sull’impatto economico, anch’esso sbilanciato fortemente a favore degli imprenditori più che della città.

Un aspetto che spesso sfugge è la dimensione dell’impatto visivo, economico e sociale, travolto e sovrastato dallo stupore e dall’eccitazione di così “alta” sfida. Per celebrare una capacità tecnica ed economica, oltre che politica e amministrativa pensiamo mai alla illuminante citazione di Frank Llyod Wright : “I medici possono seppellire i loro errori, gli architetti no” ?

Io non sono contrario ai grattacieli o a edifici di grandi dimensioni, ma alla loro densità ed al loro aspetto sì, in fondo la capacità dovrebbe essere anche quella di esprimere la cultura e tradizioni del luogo dove si realizzano questi interventi e rappresentativi della loro popolazione. La consapevolezza dei luoghi ed i benefici per la comunità che li abita potrebbero avere una qualità più “elevata”, che ne dite?

P.s Una cosa è certa questi edifici e queste aree fanno la gioia dei fotografi

Fausto Battistel

Share