Un po’ di Aria..

Un po’ di Aria..

20130830_162238Come promesso oggi noi della redazione di Citizen abbiamo partecipato alla 3^ Festa dell’Aria organizzata dal Comitato di Santa Giustina. Come l’impeccabile organizzazione aveva promesso c’era musica dal vivo, ciambella, anguria, da bere… non mancava nulla, nemmeno una certa quantità di camion.
Appena arrivati ci hanno avvertito, quasi che potessimo restare delusi, che a quell’ora di camion c’è ne sarebbero stati molti meno. La protesta va avanti da molto e i camionisti hanno imparato che le ore centrali sono quelle migliori per non essere troppo intralciati. Nonostante questo rimaniamo sorpresi da quanti sono, senza considerare poi che tutti quelli che passano devono tornare.
Rimaniamo un po’ li e la Signora Carla, l’attivista del Comitato che ci ha invitati,  annuncia che il portavoce del gruppo sta per tornare con buone notizie. Ne approfittiamo per capire come si svolge quel “rito” ormai diventato quotidiano. Quando il camion arriva c’è sempre qualcuno che sta attraversando, magari un anziano, magari qualcuno di poco fermo sulle gambe. I camionisti ovviamente lo sanno e la maggior parte, per quieto vivere, lo considera poco più di un semaforo virtuale e, se va bene, ti becchi anche un pezzo di ciambella. Certo è inevitabile che tra tutti ci sia anche qualcuno di meno civile, ma fortunatamente è relegato alla minoranza.
via fiumicinoDopo un po’ arriva il portavoce del Comitato che ci conferma di avere, se non proprio la soluzione definitiva, almeno la prova di un impegno da parte dell’Amministrazione. A prendersi la responsabilità della proposta è Sergio Funelli, l‘Eminenza Grigia, il Capo di Gabinetto del Sindaco. La proposta è la seguente:

Entro un mese  si darà la possibilità ai camion di percorrere una pista sul lato Marecchia, una pista che esiste da 50 anni e che è percorsa da mezzi pesanti tutti i giorni. Fino ad ora prevalentemente mezzi di Pavimental (società di Autostrade S.p.A.) e dai mezzi di Pesaresi. E’ lo stesso Imprenditore ad aver dato la possibilità di transitare sulla sua proprietà e sbucare sulla via emilia. Dunque un mese per i permessi e poi provvisoriamente i mezzi di Hera, Pavimental e Pesaresi utilizzeranno questa strada. Contemporaneamente si avvierà una procedura per coinvolgere anche la società agricola AV Green Srl di Parma, che gestisce il biodigestore e che convoglia sull’attuale strada 50/60 camion al giorno, per trovare uno sbocco sulla via Emilia.
Pare che già a Giugno sia stato presentato un progetto per fare una rotatoria all’altezza di S. Martino, tutto ciò con lo scopo di rendere via Carpinello e via Fiumicino interdette al transito dei mezzi pesanti. La rotonda di raccordo alla pista provvisoria in definitiva dovrà essere fatta prevedendo anche il futuro raccordo alla nuova circonvallazione.
L’intervento definitivo comunque ha un certo carattere di urgenza perché, a parte la sofferenza di vie completamente inadatte allo scopo, è anche la più grande Via Emilia ad urlare di dolore. Gli stessi componenti del Comitato ci informano che in una giornata qualsiasi di maggio, senza alcun avvenimento particolare, sono riusciti a contare un passaggio di 28.515 veicoli. E’ una cifra che fa riflettere se si pensa che la famosa “complanare Adriatica” è stata dichiarata necessaria a fronte di un passaggio dai 10 ai 15mila veicoli.

Dunque. Meglio tardi che mai? Meglio tardi non è una gran qualità della vita per gli abitanti della via Emilia, ma forse questo ce lo spiegherà meglio la centralina di misurazione polveri sottili che è stata da poco posizionata proprio in questa direttrice.

P.S.

Prossimamente un approfondimento sul perchè Av Green di Parma non si è fatta il suo bel Biodigestore nelle terre natie.

Davide Cardone

[@DadoCardone]

Share

1 thought on “Un po’ di Aria..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.