Tre Martiri.

20130816_100452bisIl 16 Agosto 1944 tre riminesi, dopo essere stati torturati, furono impiccati, nell’allora piazza Giulio Cesare. Mario Capelli, Luigi Nicolò e Adelio Pagliarani morirono, senza aver fatto il nome dei loro compagni e gridando “Viva Stalin!“.

Ovviamente non avevano idea di chi fosse Stalin veramente, ma avevano ben chiaro quali fossero i significati di Lealtà, Giustizia e Abnegazione. Oggi, come ogni anno, per ricordare il sacrificio dei tre eroi si è celebrata una manifestazione in loro ricordo. Presenti nel  ruolo istituzionale il Vice Sindaco Gloria Lisi e il Presidente della Provincia Stefano Vitali. Senza compiti nel cerimoniale, ma comunque presenti in mezzo ad un nutrito pubblico  di cittadini, l’Assessore all’Ambiente Sara Visintin, il Consigliere Comunale Gianluca Tamburini e la Deputata Giulia Sarti.

E’ stata messa in atto una Cerimonia sobria, senza i soliti discorsi più adatti alle uscite della  Motonave Marinella che a rappresentare  momenti istituzionali . Per un giorno, almeno, Rimini è stata solo una Città che celebra il suo passato, senza devianti logiche di ritorno.

Davide Cardone

Share