Pornopolitik

Pornopolitik

tiziano-arlotti-in-cameraChe patatrac l’aeroporto.

A volte bisognerebbe fermarsi un attimo e considerare quanta dignità ci sia nel silenzio.  Mostrare a tutti i costi la propria ignoranza, riguardo alla materia che si pretende di trattare, trovo sia equiparabile alla pornografia. Troppo intimo e, seppur ognuno sia pronto a perdonar piccoli accenni di feticismo altrui pur di condonare i propi, questa cosa dello sproloquio Dem a mezzo stampa dovrebbe essere vietata ai minori di 70 anni.

Prendiamo il prode Arlotti. Un uomo rispettato anche fuori dal suo abito, sebbene l’ambito sia così turpe da chiamarsi PD. Che bisogno c’era di dichiarare “Gli atti nel mirino tutti alla luce del sole” quando anche l’ultimo “bocia” della sua compagine sa che non è così? Che sia un bisogno di esibizione? Che sia un’iniziativa autonoma del suo ufficio stampa, come quando, per raggiungere in affanno la Sarti sui carceri, si inventarono un’interrogazione che avrebbe visto luce solo la settimana dopo? Non si azzarderebbero.

Sarà mica invece che vedere dei magistrati che vanno a frugare così indietro mettono in apprensione anche il politico dalla miglior reputazione? Non lo so. Probabilmente non lo voglio nemmeno sapere, ma… lasciatemi intervenire su una banale questione di gusto. Preferirei, se fosse possibile, il caro vecchio “vedo, non vedo” in luogo di queste impudiche dichiarazioni. Sono consapevole del fatto che non v’è più abitudine, ma si può recuperare.

In giro ci sono ancora molti documenti che, al posto di tutta questa intimità esibita, rappresentano erotismo politico. I filmati dell’inimitabile Andreotti per esempio. Lui parlava, parlava, tu non capivi molto, ma alla fine ti aveva fottuto lo stesso. Questo è solo un esempio eh… ognuno è libero di ispirarsi a chi vuole, mica c’era solo Jhon Holmes. Le persone preferiscono ancora avere dei dubbi sulla preparazione dei politici, piuttosto che avere certezza della sua totale assenza. Lasciateci il nostro feticismo da elettori.

P.S.

In molti ci tengono. Gnassi dimettiti (e 4). Ecco, ditemi se poi lo fa.

05730130ff8cbcaee11a47d1a3b7439a

 

@DadoCardone

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.