Meditatevi – La Pratica

Meditatevi – La Pratica

ponteE’ arrivato il momento, per chi ha seguito il percorso suggerito da DaGuru, di provare a meditare e vedere se questa può essere un’abitudine da inserire nella propria quotidianità. La meditazione non è pratica per tutti, ma non perché sia riservata ad un’élite o perché sia riservata ad intelligenze particolari, ma per affrontarla con successo è necessario abbandonare la parte di noi stessi che non ci appartiene. 

La Redazione

Eccoci giunti alla pratica vera e propria. E’ solo il primo passo di un cammino lunghissimo, ma già qui si capisce se questa disciplina è nelle nostre corde. [Sei Rilassato, Quieto e Vigile?].

Coltivando l’attenzione rivolta al respiro impareremo un modo diverso di usare la mente.

Rilassato..
Quieto..
Vigile..


[Sia in Tibetano che in Sanscrito la parola “attenzione” significa ricordare. Dunque nella meditazione l’attenzione è richiamare un oggetto alla mente in un flusso ininterrotto.]

Poniamo la nostra attenzione sul respiro. Siate testimoni dell’aria che entra e che esce senza fare considerazioni di alcun tipo. Mantenete il senso di rilassatezza e concentratevi sulla sensazione tattile appena sopra il labbro superiore.

[A causa dell’abitudine i pensieri non potranno fare a meno di intrufolarsi in quello che state facendo. Osservate il pensiero emergere, passarvi davanti e scomparire. Non identificatevi con il pensiero. Siate testimoni del suo passaggio e lasciate che se ne vada con l’espirazione. ]

Di tanto in tanto usate l’introspezione. Non nel senso di  pensare a voi stessi. Fate un  controllo qualità di quello che state facendo. Siete ancora rilassati? [Il vostro viso lo è?] Siete ancora concentrati sul respiro? [O state correndo dietro un suono o un pensiero?]. Diventando bravi riuscirete a suddividere l’attenzione tra il respiro e il controllo qualità.

Sono passati 24 minuti? [Gatika]

Se applicate l’attenzione nel modo corretto, giorno dopo giorno,  potrete notare che l’attenzione si fa più vivida durante la meditazione, ma non solo…

Questo è solo il primo passo, ma già così possiamo aspirare a prenderci una vacanza dal nostro pensiero compulsivo, cosa che migliora  la salute, tonifica il sistema nervoso e dona equilibrio all’umore. Non male Eh!

Intanto allenatevi con questo nuovo modo di usare la Consapevolezza, nel prossimo post faremo un ulteriore passo. [Nel frattempo se volete rendermi partecipe delle vostre esperienze sono qui.]

DaGuru

[@D4Guru]

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.