Le lacrime di Nietzsche, di Irvin D. Yalom – Recensione.

Le lacrime di Nietzsche, di Irvin D. Yalom – Recensione.

Neri Pozzi Editore – 440 pagine – 12,50€ nel momento del mio acquisto.

Le lacrime di Nietzsche, di Irvin D. Yalom, è in libro dall’architettura affascinante. I personaggi sono tutti realmente esistiti e i loro caratteri sono stati dedotti da biografie e corrispondenze. Gli avvenimenti del romanzo sono frutto della fantasia dell’autore, ma, nel caso fossero stati presentati come reali, sarebbe tutto perfettamente plausibile. Se, oltre a questo, aggiungiamo che il tema è praticamente la nascita della moderna Psicoanalisi, le implicazioni non sono di poco conto.
Lou Salomé è una giovane ed intraprendente russa che contatta il Dott. Josef Breuer, il più stimato e brillante dei medici viennesi, per curare il male che ha colpito Nietzsche. È una depressione con manie suicide che lei stessa ha provocato e si rivolge a Breuer in quanto, come pochi sanno, è pioniere in alcuni tentativi di cura psicodinamica. Il medico accetta e con il suo giovane protetto, un tale Sigmund Freud, mette a punto un piano per psicanalizzare Nietzsche senza che lui se ne renda conto. Le cose non vanno come progettato e Breuer. A causa della messianica personalità del Filosofo, si trasforma da medico in paziente, costretto a mettere in discussione tutta la propria esistenza.
È un libro pieno di significato e, mentre lo si legge, bisogna quasi domarlo per non essere rapiti da una riflessione ad ogni capoverso. Consigliatissimo per gli amici appassionanti di di filosofia e temi esistenziali.

@DadoCardone

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.