Hap & Leonard. Sangue e Limonata. Di Joe R. Lansdale.

Hap & Leonard. Sangue e Limonata. Di Joe R. Lansdale.

Einaudi Stile Libero Big. 204 pagine. 17,00€ al momento del mio acquisto.

dav

Joe R. Lansdale, con oltre 20 romanzi al suo attivo e numerose collaborazioni con la Tv e il cinema, è sicuramente uno dei più prolifici autori del genere crime americano. Hap e Leonard sono i protagonisti di una fortunata produzione, diventata poi anche serie tv.

Sangue e Limonata, fa parte di questa serie di romanzi, ma se ne discosta radicalmente. I protagonisti sono sempre loro. Due uomini, uno bianco e uno di colore, che usualmente risolvono crimini nella cornice del texas orientale, ma che nel romanzo in questione sono ancora due adolescenti. Per cui, per trama e stile narrativo, è da considerarsi uno spin off.

Hap Collins è un ragazzo bianco, Leonard Pine è un adolescente afroamericano, gay, ma conservatore. Si conoscono negli anni ’60, nel cuore dell’America razzista e omofoba, quel Texas tanto caro ad entrambi, ma che proprio non riesce ad accettare la loro amicizia.

Il libro, in una serie di feedback senza soluzione di continuità, racconta proprio di questa amicizia e degli eventi, a volte anche molto traumatici, che hanno costruito il legame che li vede protagonisti sino all’età adulta. Vita povera, scoiattoli fritti, scazzottate, omicidi efferati, ogni ricordo contiene sia cicatrici che nostalgia.

Ma com’è il romanzo? Beh… è inevitabilmente molto Am(m)ericano. Violento, sbruffone, con dialoghi che nessuno concepirebbe mai in momenti di tensione e pericolo, ma proprio per questo appartiene ad un genere con molti estimatori. La scrittura è veloce come una sceneggiatura e la struttura a “mosaico” tiene bene il susseguirsi dei ricordi raccontati. I personaggi purtroppo rimangono molto in superficie, soprattutto quello di Leonard, di cui rimane solo un’interessante premessa. Poi però della genesi di un caso singolare come quello di un picchiatore, nero, gay , conservatore, degli anni ’60, si dice poco e niente.

In conclusione non saprei se consigliarlo. A me personalmente non piacciono i romanzi dove gli eroi sai già che vinceranno dalla prima pagina e nemmeno mi sembra interessante l’uso del testosterone a pioggia su tutto, persino su ciò che muove il protagonista omosessuale. Però se amate il genere Crime Americano, dove si risolvono le faccende con l’atto più feroce che salta in testa, senza che la polizia venga mai a sapere niente, può essere che questo libro faccia per voi. Se non altro è un buon tassello per capire se vi può interessare la serie Hap e Leonard.

@DadoCardone

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.