Evasione: Banca Mondiale, Indicatori di sviluppo

Evasione: Banca Mondiale, Indicatori di sviluppo

Guarda chi è che ruba veramente in questo rapporto della banca mondiale su Google e nell’immagine allegata.
I paradisi fiscali confrontati con la media Italiana sul rapporto esportazione/PIL. Se è vero che noi siamo gli esportatori per eccellenza, cibo, vino, moda, design, mobili, esportiamo persino la pasta e la piada, ma anche prodotti molto tangibili. In ogni caso è giusto che in questo grafico veniamo magari dietro l’India, la Cina o gli USA, non è giusto invece che veniamo dopo paesi che non producono assolutamente nulla, se non nuovi ricchi, mi chiedo infatti che ci abbia da esportare il Lussemburgo o le Seychelles…

Anche a te sorge spontanea la domanda?
Ecco la risposta, un metodo per evadere o eludere: il giochino è facile, io in Italia produco solo il prototipo, ma faccio realizzare in Slovacchia, in Iraq o in qualunque parte del mondo, quindi attraverso vie indirette faccio risultare che la merce parte dal Lussemburgo o dalle Seychelles, in questo modo pago solo il 5% di tasse.
Ecco a cosa servono le nostre tasse, a pagare economisti di fama mondiale per trovare escamotage alle leggi ancor prima di farle.


 

Fonte: Banca Mondiale, Indicatori di sviluppo mondiale – Google Public Data Explorer.

 

 

Share

1 thought on “Evasione: Banca Mondiale, Indicatori di sviluppo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.