Ma il Direttorio sapeva dell’indagine sulla Franchini?

Il destino è strano. Prendi oggi per esempio. Apro il giornale e scopro che Carla Franchini, ex Consigliere del Movimento 5 Stelle di Rimini, era indagata per abuso d’ufficio e falso ideologico assieme al Sindaco per cui lavora, Mimma Spinelli del Comune di Coriano.

cattura2

Forse non tutti se ne sono accorti, ma in questo c’è un corto circuito, grande come tutta la contraddizione che è capace di portarsi dietro il Movimento. Infatti, nelle righe e tra le righe, possiamo leggere che:

  1. Carla Franchini era indagata.
  2. Carla Franchini, consigliere del Movimento 5 Stelle, lavora per un sindaco di Centro Destra.

Partendo dal secondo punto sarebbe utile considerare che, se Carla Franchini avesse lavorato come donna delle pulizie per un Sindaco del Centro Destra, non ci sarebbe stato assolutamente nulla di male. La sua condizione però è diversa. Di fatto il provvedimento del Sindaco, oggetto dell’indagine, stabiliva che la Franchini fosse Funzionario, con incarichi organizzativi. La domanda sorge spontanea: se il Sindaco avesse chiesto a colei che ha tutti gli effetti era anche Consigliera del Movimento di fare qualcosa contro il Movimento, o contrario ai principi 5 stelle, cosa avrebbe risposto il funzionario?

Non serve essere dei fini conoscitori della politica e delle amministrazioni comunali per capire che ci troviamo di fronte ad un bel conflitto d’interessi. Bisogna dire che la Franchini non è mai stata troppo in sintonia con i programmi del Movimento, come quando, ad esempio, ha tentato di scalare il Consorzio di Bonifica contrariamente alle linee guida nazionali. Senza troppo scendere nei particolari però, essere eletti per portare avanti un principio e lavorare organizzandone invece uno diverso… beh non sembra molto corretto neanche da un punto di vista che non sia grillino.

Poi c’è il fatto che fosse indagata. Abbiamo visto come nella galassia a 5 stelle questo sia un grosso problema financo per chi lo dichiara, vedi il Consigliere Regionale Andrea De Franceschi. Sembra essere un problema enorme poi per chi non lo dichiara, vedi Il Sindaco di Parma Federico Pizzarotti, o lo dichiara senza che Di Maio legga la mail (ma questo è un altro discorso).

In capo a tutti i procedimenti di sospensione per non aver comunicato un’indagine, per tutte le varianti del caso, si legge: ”i cittadini devono sapere!”. Voi lo sapevate che Carla Franchini era sottoposta ad indagine? L’ha mai dichiarato pubblicamente? E il Direttorio sapeva? Se sì, perché non l’ha sospesa? Se no, non è una grave forma d’illecito secondo quanto stabilito dal Movimento (o chi per esso)?

Riepilogando: non colpevole riguardo alla legge ordinaria, ma questo conflitto di interessi legato ad una mancata comunicazione di indagine, fa sì che l’ex Consigliera Franchini fosse gravemente mancante riguardo a quanto richiede il Movimento. Tutto questo fa molto pensare, visto che nelle recenti vicissitudini del Meetup di Rimini fu proprio lei a richiamare i Principi del Movimento (mentre metteva amiche sue nella lista di disturbo) e a dichiararsi super partes. A quanto pare quei “principi” valevano per tutti, tranne che per lei.

Passata la festa gabbatu lu Santu? Lei è convinta di sì, viste le foto sorridenti in compagnia di storici nemici di Pizzarotti a Italia 5 Stelle, tipo Max Bugani. Purtroppo per lei però, se dovesse (!) passare lo statuto proposto da Beppe l’Elevato, il nuovo regolamento (qualsiasi cosa esso sia) la metterebbe in difetto retroattivo addirittura di un anno e allora …. Addio Parlamento, addio sogni di gloria.

Certo … se nessuno dice nulla, nessun albero è caduto nella foresta. Bisognerebbe però che il comportamento dell’ex consigliera fosse stato tale da non inimicarsi nessuno. Ok. Qui potete ridere.

P.S.

Intervistatore: […] (Cristo) comunque è morto per i nostri peccati..

Padre Pizzarro: Dici? Secondo me a botta vera è stata la ferita al costato.

[Corrado Guzzanti – Padre Pizzarro]

dado

 

@DadoCardone

FacebookTwitterWhatsAppTumblrGoogle GmailWordPressLinkedInPinterestYahoo MailEmailKindle ItShare