la critica non è ironia, non è satira, fare critica non è fare, la critica è critica

criticare1

fare critica non è fare
fare critica è molto più comodo che fare qualcosa
far qualcosa richiede impegno
documentazione
verifica delle fonti
attuazione
e qui sto già parlando del lavoro di mesi se non anni
collaborazioni e fallimenti
rinascite e perdite di tempo
soldi e tempo e nessun rimborso
ma andiamo oltre
per fare critica basta guardare
quindi criticare
ma se la critica non è costruttiva è puramente fine a se stessa
quindi sterile
inutile

CRITICA Destruc
se poi chi critica non mette in atto la sua controproposta passa proprio da idiota
da divaneggiatore ( pardon il neologismo )
da esperto delle 3P
che non è un partito politico o loggia massonica
ma Politica Pallone Pubblicità
le 3P appunto 3 cose di cui ogni italiano si sente in diritto di parlare
in special modo il tipo criticone
ti riconosci?
oltretutto criticando non si è soggetti alla critica del fare
ma solo alla critica della critica
che seppur brucia code è pur sempre vuoto a rendere
quindi
lo chiedo con parsimonia ma anzi no
lo chiedo con accentuata spinta al volersi dare una mossa
per una volta
la prima e l’ultima
poi non dico più nulla a questo proposito
giuro ( al massimo riporto un link a questo post )
e non mi riferisco sicuramente a chi sta già facendo

depositphotos_3079017-IDEA.-Seamless-vector-background.

lo vogliamo cambiare questo paese?
vogliamo che cambi?
cambiamolo!
ci sta bene così?
bene
zitti

intellettuale_fondo-magazine

per chi crede che sia necessario un cambiamento
i progetti ci sono
i gruppi anche
stiamo girando praticamente casa per casa
le iniziative fioccano e mancano solo collaborazioni ( se proprio non siete in grado di portare un’idea vostra )
lasciamo perdere le critiche a quelli che fanno
tanto per fare qualcosa
non t’è mai venuto il dubbio che lo puoi criticare proprio perché fa?
bene
ma che siano critiche che producono qualcosa
altrimenti
ripeto
zitto
fai anche tu e verrai criticato…
sei pronto a questo grande danno morale?

ego

pfiuuu ora respiro
tutta in un botto
fa male
lo so
mi fanno male le dita
ma faceva male anche prima a me vedere sempre la stessa solfa

però ti riconosco un merito
almeno la critica sgonfia è sempre qualcosa di più del silenzio assenso

lavoratori

Share

Piccola lamentela di un Peace Man

Per predisporsi a questo testo che segue è necessario capire dove siamo: Quinto potere di Sidney Lumet del 1976. Sembra in realtà girato ieri.

Fratelli e Sorelle I’m a Peace Man e proprio per questo non sono nessuno…

La prima volta che mi sono sentito affibbiare questo appellativo ero a New York, era il 1991, al cospetto di due grandi amici, Christian e Janet, entrambi Gay, di sesso opposto ma amici inseparabili da tantissimo, con i quali avevo dormito la sera prima in Italia. Loro avevano già visitato 2/3 del mondo insieme. Giovani, relativamente giovani, poco più grandi di me ma immensamente più saggi e lungimiranti. Al momento non mi sono reso conto del termine – “Peace Man (?)… vabbè” – mi sono detto – “chissà cosa vorrà dire poi” – ho provato a chiederne il significato ma loro si sono limitati a guardarsi e sorridere.
Del resto alcune sfumature dell’inglese sono ancora ostiche per me oggi, figuriamoci allora.
Comunque ogni tanto ricordare quel loro sorriso mi aiuta a capire molte cose, tutt’oggi.
Leggi tutto “Piccola lamentela di un Peace Man”

Share

c’era un cielo

con il vuoto intorno all’aura
ti sento ancor dentro
un termico piacere
non bramo ciò che non avrò
inutile volontà di solo ego
circondo il mio essere di pace
rinascerò nel tempo e nel luogo
quando e quanto necessario
Leggi tutto “c’era un cielo”

Share

disteso – concentrazione – equazione della felicità

Nell’erba disteso, occhi chiusi, lentamente si libera lo spirito pesante.
Ogni traccia di civiltà e condizionamento qui svanisce, solo io e me.
La testa cede il passo al vuoto, dono dei profumi e dei canti di vita, nel bosco batter d’ali e brusii diffusi.


Leggi tutto “disteso – concentrazione – equazione della felicità”

Share

velocità e distanze

quante stelle brillano solitarie nella notte
così lontane da non potersi incontrare mai
sembrano immobili nel cielo, anche se non è reale
passeranno eoni prima di un nuovo abbraccio
stanno allontanandosi l’un l’altra, non per sempre
prima o poi si incontreranno nuovamente, tutte quante.
L’elastico dell’universo è giunto alla tensione massima
interminabili parsec nascondono il vero tempo
quello spazio in cui il rilascio della potenza diverrà big crunch.

Le stelle sembrano ferme, come tu del resto, sembri immobile su questa terra.
Lo sembreresti anche se ti spostassi sul mezzo più veloce conosciuto ad un osservatore che si trovasse sull’orbita di stazionamento terrestre.
Questo effetto è dovuto ad una logica combinazione di forze, allo spazio e al tempo insieme a queste forze. Certo è che se l’osservatore si soffermasse per un certo tempo a guardarti noterebbe un minimo spostamento. Ma sarebbe forse più interessante per l’osservatore guardare lo spettacolo che si ritroverebbe intorno a lui e che ora vado ad illustrare 😀
Ferma dunque la tua pazza corsa sul mezzo più veloce del mondo e prosegui per scoprire alcune cose interessanti.
Leggi tutto “velocità e distanze”

Share

perché

Perché ci penso? Non lo so. Perché sono qui? Non ne ho idea. Non è da me essere nell’ignoto, purtroppo ci vado spontaneamente ogni volta che ti penso, ogni sussurro che mi porgi, ogni saluto che mi doni. Quando ti rivolgi a me vivo delle tue parole per giorni. A tratti passione, talvolta vibrazione, sempre un pensiero.
Non era così. Sognavo una vita serena, fuggivo da un passato doloroso, poi ti ho visto.. ti ho parlato… ti ho conosciuto… ora ti sento.
A poco a poco il dolore è scomparso, la vita ora è un sogno, potrei anche dire che c’è felicità, ma non posso veramente. Come può esserci gioia se io sono qui e tu no. Il mio unico timore è che tu scompaia per sempre ed aggiunga dolore al passato che inevitabilmente ritornerebbe.
Leggi tutto “perché”

Share

lacrime

ondate di vuoto
stomaco ingrato
pieno agli occhi
caldo sugli zigomi Leggi tutto “lacrime”

Share

mi sento luce spenta

io ti schivo e tu lo sai
il dolore è grande ormai
non riesco a trattenerlo
spero di dimenticarlo
sembra impossibile
non diventa futuribile
ogni giorno che passo
diviene sempre più grosso
come una grande catena
di anelli di balena Leggi tutto “mi sento luce spenta”

Share

non immenso vuoto



tu non ci sei, io ci sono
per questo sento il vuoto
su me stesso sono prono
adesso non c’è moto
fermo a guardare un suono
Leggi tutto “non immenso vuoto”

Share

è un assassino


Pieno, ricco, cuore caldo, innamorato
insensibile, io, gli ho sparato
un solo colpo, una cannonata, finito.
Ora sento il fiele del risultato
salacido cattivo, amaro smisurato.
Leggi tutto “è un assassino”

Share

se non ti avessi amato

Stima profonda
carico e ricco
amo tutto il tuo io
ogni dote che presenti io condivido
qualunque gesto benevolo del cuore
si riflette sempre nel tuo animo
che non ha mai tradito.
Lealtà e rispetto dimostri sempre
in ogni fatto, con ogni persona.
Ho tanta fiducia
scommetterei il cuore
in mano tua senza esitazioni
in realtà c’è già e ancora
forse l’ho già perso.
Leggi tutto “se non ti avessi amato”

Share

amore vuoto, amore pieno



ho visto piangere il cielo
ho visto piangere gli animali
ho visto piangere l’erba
tutto è triste perché manchi
ogni cibo ha un sapore diverso
ogni azione ha un nullo scopo
ogni parola è vuota di senso
tu non ci sei e il mondo è tenue
ma procede comunque avanti
mentre io mi chiedo il perché

Leggi tutto “amore vuoto, amore pieno”

Share

leggero mentre ti penso

Ritmo insensato, corro e non sento più le gambe, sento il freddo sul viso e il panorama che scivola di fianco, ma non il mio corpo, corro sempre più forte.

Corro nel vento, assaporo l’aria, annuso il fresco, l’odore dell’erba e del muschio, mi sento libero e corro di più. Ripenso alla primavera, ai fiumi, ai laghi, al mare e alla spiaggia, ai campi fioriti. Non manca nulla, la mente è piena, ricco è il sangue e grande il piacere, corro ancora di più. Penso alla mia casa, al tepore che mi aspetterà, un pasto, il ristoro e il riposo, quanto l’apprezzerò, provo piacere di correre e corro! corro!! Senza pensare ai limiti o alla stanchezza, corro. Sono felice, guardo in fondo e penso a te, ai tuoi lineamenti, il tuo sguardo, la tua voce e corro ancor più veloce. Non mi curo del dettaglio, guardo la globalità del paesaggio, il cuore mi porta nella giusta direzione. Inizio a non sentire più i miei passi e neppure il rumore di terra battuta, sto correndo e non volando, ma non sento più il fondo. Ritmo insensato, corro e non sento più le gambe, sento il freddo sul viso e il panorama che scivola di fianco, ma non il mio corpo, corro sempre più forte. Mi sono perso in te, ormai da molto tempo.
Il pensiero è pieno di te, non mi sento e corro…
Leggi tutto “leggero mentre ti penso”

Share

e penso a te

Non farò pazzie
per quanto e piu di te vorrei esser desiderato
forse per questo son comunque tentato…
Non verrò a cercarti
mi manca l’ardore di ferirti
ma un tuo solo cenno potrà a me riunirti…
Non riesco a volte a parlarti
di cose che addosso non vorresti sentirti
ma quello che penso non può e non vuole ascoltarti… Leggi tutto “e penso a te”

Share