Carla Franchini, fuori dal sogno europeo?

Sabrina Pignedoli, giornalista

Vorremmo poter dire che sia merito nostro. Non lo è, perché, nonostante il nostro impegno per spiegare chi è veramente Carla Franchini, 444 allocchi l’hanno comunque votata. Vorremmo anche poter dire che siamo fuori pericolo, ma non possiamo, perché conosciamo la tenacia del sorcio quando punta il formaggio.

L’unica cosa di cui possiamo gioire per il momento è che la Franka, a quanto pare, non rappresenterà neanche mezzo italiano in un’istituzione importante, quanto sottovalutata, come il Parlamento Europeo. Il Motivo è l’imposizione del capo politico, Giggino Di Maio, di una capolista donna. A causa (o per merito) dell’applicazione delle quote rosa, l’ex consigliera riminese, dentro per una posizione, è stata scalzata fuori dalla competizione elettorale.

Dopo aver saputo che la decisione di Di Maio sarà comunque soggetta ad una ratifica dei votanti Rousseau e che, comunque, la Franka è stata convocata a Roma, avevamo qualche timore che l’eliminazione non fosse definitiva. Poi siamo andati a vedere chi è Sabrina Pignedoli, la capolista imposta dalla “Segreteria”, ed abbiamo capito che l’unica speranza di ripescaggio per la Franchini è l’arresto per grave reato di una delle posizionate sopra di lei.

Sabrina Pignedoli, giornalista reggiana, è Aquila D’Oro per il Premio Estense grazie al suo libro “Operazione Aemilia”, che tratta della maxi operazione contro la ‘ndrangheta che aveva messo radici in Emilia. Se ne deduce che perlomeno la sua imposizione dall’alto non sarà difficile da far digerire. A parte che, dopo aver sorbito l’immunità di Salvini, sappiamo per certo che il Movimento 5 Stelle non soffre di gastrite.

E’ finita qui l’avventura di Carla Franchini? Sicuramente, no. A Movimento svuotato di risorse umane, anche una Franka può assomigliare a un’alternativa percorribile e un premio, per chi sa ben percorrere le vie della vecchia politica, c’è sempre (vedi l’ufficio romano di Bugani a 80 mila euro l’anno). Certo è che per questa volta, forse (la sfiga è sempre in agguato), ci risparmieremo le europee figure da chiodi a favor di telecamera come quelle che la Franka produceva a iosa nel locale Consiglio Comunale.

Vi lasciamo con un video della capolista imposta. Ah dimenticavo. E’ pure bella. E nell’era Social non è un particolare trascurabile.

@DadoCardone

Share